top of page

Associazione L'Albero della Vita ONLUS

Sede legale via Roma 75

81024 Maddaloni (CE)
Seconda sede via Appia nr 7/9 

81024 Maddaloni (CE)

Tel  347 1421631

C.F. 93092300610

Email: lalbero.dellavita@virgilio.it

www.lalberodellavita.wix.com

Percorsi  turistici  e culturali città di Maddaloni (ce)
 

Borgo dei FORMALI 


IL MULINO DUCALE DEI CARAFA DELLA STADERA

 

Ai tempi in cui Cesare Carmignano, nobile del sedile di Montagna, dava inizio alla realizzazione dell’acquedotto omonimo, grazie alla solenne sottoscrizione del contratto con il viceré il 22 maggio 1627, già esisteva in territorio maddalonese dei duchi Carafa un antico acquedotto, sulle cui origini nessuno ha ancora effettuato gli opportuni studi. E’ nota la strategia adottata dal progettista dell’opera, l’ingegnere idraulico e topografo Alessandro Ciminelli, di restaurare le condotte esistenti, alcune anche di epoca romana, integrandole nel percorso predefinito nel progetto.

Il 23 febbraio 1628 fu perciò raggiunto un accordo tra Cesare Carmignano ed il duca di Maddaloni Diomede V Carafa, che, ancora giovinetto, godeva della tutela del Principe di Colobrano, in cui si stabiliva che “in cambio del libero uso dell’antico acquedotto sito in Maddaloni e dei terreni necessari per tracciare il nuovo” si sarebbe immessa nell’erigendo canale “tanta acqua da mettere in moto un molino capace a macinare 60 tomola di grano fra notte e giorno” a beneficio del duca.

Il 24 marzo fu stabilito che dal canale del Carmignano si dovesse derivare un tubo di 8 once.

Negli anni a seguire i duchi Carafa ebbero delle aspre liti con il Conte di Acerra, che non vedeva di buon occhio la costruzione di un mulino in terre così prossime e con il Conte di Airola, che considerava di sua proprietà le acque usate dal vicino duca. Liti che proseguirono fino al 1690, anno in cui fu imposto al duca di Maddaloni Marzio III di interrompere la costruzione del mulino, ma di questo divieto egli non tenne conto e perfezionò la costruzione nel 1693.

Nel 1694 gli fu ratificato l’ordine di demolire l’impianto considerato abusivo, ma qualche anno dopo il mulino venne reso macinante in virtù di una comunicazione del viceré L. Francesco de la Cerda, nel 1696 infatti il duca di Maddaloni riuscì a farsi nominare dagli “eletti “ di Napoli “deputato addetto” agli acquedotti di Bolla e di Carmignano.

Al Conte di Acerra non rimase che accordarsi con il potente vicino ed accettare un risarcimento di 31mila ducati.

Il mulino ducale è rimasto in funzione fino alla metà del ‘900 ed abitato fino allo scorso decennio.

I Formali - ASS. L'ALBERO DELLA VITA O D V
00:00
IMG_4511

IMG_4511

IMG_4464

IMG_4464

IMG_4469

IMG_4469

IMG_4426

IMG_4426

IMG_4533

IMG_4533

IMG_4532

IMG_4532

IMG_4440

IMG_4440

IMG_4428

IMG_4428

IMG_4423

IMG_4423

IMG_4445

IMG_4445

IMG_4446

IMG_4446

IMG_4447

IMG_4447

IMG_4454

IMG_4454

IMG_4453

IMG_4453

IMG_4458

IMG_4458

IMG_4460

IMG_4460

IMG_4471

IMG_4471

IMG_4465

IMG_4465

IMG_4469

IMG_4469

IMG_4464

IMG_4464

IMG_2999

IMG_2999

IMG_2998

IMG_2998

IMG_2993

IMG_2993

IMG_2997

IMG_2997

IMG_2980

IMG_2980

IMG_2979

IMG_2979

IMG_2977

IMG_2977

IMG_2976

IMG_2976

IMG_3003

IMG_3003

IMG_2975

IMG_2975

IMG_2974

IMG_2974

IMG_2973

IMG_2973

IMG_2999

IMG_2999

IMG_2998

IMG_2998

IMG_2993

IMG_2993

IMG_2997

IMG_2997

IMG_2980

IMG_2980

IMG_2979

IMG_2979

IMG_2977

IMG_2977

IMG_2976

IMG_2976

IMG_3003

IMG_3003

IMG_2975

IMG_2975

IMG_2974

IMG_2974

IMG_2973

IMG_2973

Antico Borgo dei Formali

Antico Borgo dei Formali

bottom of page